Come sterilizzare le conserve

Come sterilizzare le conserve: tutti i consigli per farlo in sicurezza.  È noto ormai come tantissime persone si cimentino spesso nella preparazione in casa di marmellate, confetture e conserve di ogni genere. Ma qual è il metodo corretto per sterilizzare le conserve e scongiurare gli eventuali rischi che la loro preparazione comporta? Ecco l’elenco dei rischi in base alla tipologia di conserva preparata!

come sterilizzare le conserve

Come sterilizzare le conserve: Marmellate e Confetture

Sia la ricetta tradizionale delle marmellate, sia quella delle confetture prevedono l’uso di zucchero . Entrambe le tipologia di conserva sono cotte a lungo a fuoco molto lento in modo che si possa raggiungere la giusta consistenza. Non appena la conserva è pronta, si versa in vasetti sterilizzati che vengono poi chiusi ermeticamente e capovolti fino a completo raffreddamento, in modo che possa formarsi il sottovuoto. Da questo momento in poi, i vasetti vengono conservati in luogo fresco, buio e asciutto fino a circa 8 mesi. Le marmellate e le confetture non sono soggette alla formazione di botulino, grazie alla grande quantità di zucchero presente. Ciò non le rende comunque immuni, quindi è sempre bene controllare ogni vasetto all’apertura, verificare che il sottovuoto sia avvenuto correttamente e che non siano presenti delle muffe che renderebbero il prodotto non sicuro da consumare.

LEGGI LE MIE RICETTE DI MARMELLATE E CONFETTURE

https://www.lemilleeunabontadifranci.it/confettura-di-castagne/

Come sterilizzare le conserve: Conserve sott’olio

Le conserve sott’olio sono fra le più gettonate in assoluto. Per la maggior parte le preparo con le verdure, ma possono essere preparate anche con carne, pesce e formaggi. In questo caso il rischio di contaminazione da botulino è molto più elevato, poiché in questo tipo di conserve non è presente la grande quantità di zucchero che troviamo in confetture e marmellate. Tra le condizioni che favoriscono la proliferazione del botulino troviamo il ph poco acido, l’assenza di aria, l’abbondante presenza di olio e anche carne e pesce poco cotti.

LEGGI LE MIE RICETTE DI CONSERVE SOTT’OLIO

Passate di pomodoro, sottaceti e salamoie

Le passate di pomodoro, i sottaceti e le salamoie presentano scarso rischio di botulino. Questo perché in questi prodotti si ha un’elevata presenza di ph acido e un’elevata concentrazione di sale e/o zucchero. Bisogna comunque stare attenti nella loro preparazione, semplicemente rispettando le basi delle norme igienico sanitarie.

Pesti

I pesti hanno molte caratteristiche in comune con i sott’oli, ma essendo preparati a freddo non possono essere sterilizzati per i canonici 30 minuti. Per prevenire la formazione di botulino è sufficiente congelare queste preparazioni, meglio se in monoporzioni. Il congelamento in monoporzioni ha una doppia finalità:

  1. La porzione è già pronta all’uso;
  2. Si evita l’interruzione della catena del freddo, che avverrebbe se i pesti fossero congelati in vasetti più grandi.

LEGGI LE MIE RICETTE DI PESTI

Regole base per sterilizzare le conserve

Regole base per sterilizzare le conserve

Siamo arrivati al termine dell’articolo e, dopo aver elencato le varie tipologie di prodotti, la domanda da farsi è sempre come sterilizzare le conserve? Ecco le regole base per prevenire la formazione di agenti patogeni ed evitare possibili intossicazioni alimentari!

  • BARATTOLI E TAPPI: È necessario lavare e sterilizzare entrambi con molta cura. Di norma io faccio sempre la sterilizzazione in pentola, quindi metto i vasetti in una pentola piena d’acqua e li faccio bollire per 30 minuti. Trascorso questo tempo, spengo il fuoco e li lascio raffreddare. Li tolgo e li dispongo su un canovaccio ben pulito, quindi li lascio asciugare bene. L’asciugatura dev’essere perfetta ed è un passaggio fondamentale per garantire la sicurezza della conserva.
  • CHIUSURA: Dopo aver fatto asciugare bene i vasetti e aver invasato le conserve, dovrete chudere il tutto stringendo il tappo con forza. Riponete nuovamente i vasetti in una pentola piena d’acqua e lasciateli bollire per 30 minuti. Trascorso questo tempo, spegnete il fuoco e lasciateli raffreddare nell’acqua. Quando saranno ben freddi, togliete i vasetti e asciugateli con cura. Verificate sempre la formazione del sottovuoto e tenete presente che quando sviterete il tappo, dovrà esserci il classico rumore clack, tipico dei vasetti sottovuoto.
  • IGIENE: Ultima regola, ma non per questo meno importante è lavarsi sempre le mani e assicurarsi che gli utensili e gli alimenti da invasare siano sempre ben puliti e cotti al punto giusto.

Ora che avete tutte le informazioni e le regole basilari su come sterilizzare le conserve, sbizzarritevi in cucina!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK e su INSTAGRAM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.