Pizza di scarola napoletana

La pizza di scarola napoletana è un lievitato sfizioso e facile da preparare, tipico della tradizione culinaria campana. È preparata in special modo durante il periodo natalizio e, come ogni buona ricetta che si rispetti, anche questa ha le sue numerose varianti.
A Napoli e in tutta la Campania, la pizza con la scarola è molto diffusa e ogni famiglia la prepara seguendo i propri gusti personali. La versione più comune prevede che l’impasto di questa gustosissima pizza venga farcito con un ripieno a base di scarola, alici, olive e capperi.
È una ricetta molto versatile e per questo può essere servita sia come secondo piatto, sia come antipasto o aperitivo finger food. È ottima sia calda sia fredda. Curiosi di scoprire la ricetta della mia nuova bontà? Seguitemi!

pizza di scarola napoletana
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • PorzioniPer 4-6 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per l’impasto

  • 500 gfarina di semola di grano duro rimacinata
  • 125 mllatte
  • 125 mlacqua
  • 60 gburro
  • 40 golio extravergine d’oliva
  • 12 glievito di birra fresco
  • 10 gsale
  • 5 gzucchero

Per il ripieno

  • 1 kgscarola (indivia)
  • 6 filettiAlici (sott’olio)
  • 2 spicchiaglio
  • 100 golive nere
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • q.b.pepe

Per spennellare

  • 1uovo
  • 1 cucchiaiolatte

Strumenti

Ti serviranno anche

  • 1 Ciotola
  • 1 Spianatoia in legno
  • 1 Mattarello in legno
  • 1 Tortiera di 22 cm di diametro
  • 1 Padella
  • 1 Cucchiaio di legno
Se vuoi usare la mia stessa spianatoia in legno, la trovi su Amazon qui!

Preparazione

  1. Per preparare la pizza di scarola napoletana si comincia dall’impasto. In una ciotola versate il latte e l’acqua tiepida e fatevi sciogliere all’interno lo zucchero e il lievito di birra. Mescolate molto bene con un cucchiaio e mettete il tutto da parte. In un’altra ciotola capiente versate la farina e il burro ammorbidito in pezzi, quindi aggiungete il composto di latte, acqua, lievito, zucchero preparato in precedenza insieme all’olio extravergine d’oliva.

  2. Impastate tutto con le mani fino a che gli ingredienti non si saranno bene assorbiti, quindi unite il sale e continuate a lavorare l’impasto. Trasferitelo su una spianatoia di legno leggermente infarinata e lavorate il panetto ottenuto per qualche minuto fino ad ottenere una consistenza liscia ed omogenea. Formate una palla e ponetela in una ciotola. Copritela con della pellicola trasparente per alimenti e lasciatela lievitare al caldo per circa 2 ore o comunque fino a che l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume.

  3. Mentre l’impasto lievita, dedicatevi alla preparazione del ripieno. Lavate la scarola sotto l’acqua corrente fredda, dopodiché asciugatela bene e mettetela da parte. In una padella versate l’olio extravergine d’oliva e fatevi soffriggere uno spicchio d’aglio. Non appena l’aglio sarà imbiondito, unite i filetti di alici e mescolate bene con un cucchiaio di legno fino a che non saranno ben sciolte. Unite la scarola spezzettandola con le mani e regolate di sale e pepe, quindi lasciate cuocere a fuoco medio per circa 15 minuti.

  4. Non appena la scarola sarà appassita, unite le olive e sempre in questa fase, se vi piacciono, i capperi. Proseguite la cottura per altri 10 minuti a fuoco vivo in modo che evapori tutta l’acqua di vegetazione rilasciata dalla scarola. A questo punto spegnete il fuoco e lasciate raffreddare il tutto. Nel frattempo l’impasto sarà lievitato, quindi riprendetelo e dividetelo in due panetti uguali. Prendetene uno e spianatelo con un mattarello fino a ricavare una sfoglia di circa mezzo centimetro di spessore.

  5. Spennellate una teglia con dell’olio extravergine d’oliva e stendetevi la prima sfoglia all’interno avendo cura di ricoprire bene anche i bordi. Bucherellatene il fondo con una forchetta e aggiungete il ripieno ben freddo distribuendolo uniformemente. Prendete il secondo panetto e stendetelo in una sfoglia con uguale spessore della prima, quindi adagiatela sul ripieno e richiudete bene i bordi sigillandoli con una forchetta o semplicemente con le mani.

  6. Coprite la teglia con della pellicola per alimenti e lasciate lievitare al caldo per un’altra ora. Trascorso questo secondo tempo di lievitazione, spennellate la superficie della pizza di scarola con un composto a base di uovo sbattuto e latte. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti. Trascorso il tempo di cottura, sfornatela e lasciatela raffreddare su una gratella, quindi servite la pizza di scarola napoletana a quadretti per un gustoso antipasto o aperitivo, o in generose fette per cena.

I consigli di Franci

·         La pizza di scarola si conserva in dispensa fino a 2 giorni al massimo.

·         Si sconsiglia la congelazione.

·         Se volete, potrete usare metà olive nere e metà olive verdi.

·         Se i capperi non vi piacciono, potrete anche ometterli.

·         Non perdetevi la ricetta della PIZZA DI CAVOLFIORE.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK e su INSTAGRAM.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.