Sfince di San Giuseppe

Le sfince di San Giuseppe sono delle gustose frittelle di origine palermitana, ricoperte di crema di ricotta e gocce di cioccolato, pistacchi e canditi. Le sfince di San Giuseppe fritte sono dei dolci golosissimi da preparare per la festa del papà, insieme alle crispelle di riso e alle zeppole!

Come vi ho anticipato, la sfincia di San Giuseppe è di origine palermitana ed è composta da pasta choux fritta nell’olio e ricoperta da una golosissima crema di ricotta e gocce di cioccolato.

Le sfince di San Giuseppe siciliane sono infine decorate con delle scorze d’arancia candita, ciliegie candite e granella di pistacchio. Non me ne vogliano i palermitani e i siciliani tutti, ma purtroppo non sono riuscita a trovare le buonissime scorzette d’arancia per cui mi sono trovata costretta a sostituirle con un mix di canditi misti a cubetti. Vi assicuro che le sfincione di San Giuseppe sono andate ugualmente a ruba.

Il nome sfince significa spugna e, infatti, si tratta di dolci molto morbidi e ariosi che sono fritti a lungo in modo da farli gonfiare nell’olio, raddoppiando il volume iniziale. Insomma avrete ben capito che gli sfinci di San Giuseppe vanno assolutamente provati! Curiosi di scoprire come fare le sfince di San Giuseppe? Seguitemi!

Leggi anche:

sfince di san giuseppe
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • PorzioniPer 20 sfince
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàInverno

Ingredienti

Per la pasta choux

200 g farina 00
250 ml acqua
250 g uova
4 g sale
65 g burro
1 l olio di semi di girasole (per friggere)

Per la crema di ricotta

600 g ricotta di pecora
200 g zucchero
50 g gocce di cioccolato

Per la decorazione

q.b. granella di pistacchi
q.b. ciliegie candite
q.b. canditi (misti)

Preparazione

La sera prima fate scolare bene la ricotta, quindi mescolatela con lo zucchero e riponete la ciotola in frigorifero. Il giorno seguente preparate la pasta choux versando l’acqua, il burro e il sale in una casseruola. Non appena il burro sarà sciolto, unite la farina di colpo e mescolate bene in modo da farla incorporare fino a che non si sarà formata una palla che dovrà staccarsi dalle pareti della casseruola.

sfince di san giuseppe

Ponete l’impasto ottenuto in una ciotola e lasciatelo intiepidire. Nel frattempo prendete dal frigo la crema di ricotta e setacciatela con un colino, quindi unite le gocce di cioccolato e mescolate in modo da distribuirle uniformemente.

sfince di san giuseppe

Non appena la pasta choux si sarà intiepidita, unite le uova una alla volta. Procedete con l’inserimento del secondo uovo solo quando il precedente sarà ben assorbito. Dovrete ottenere un impasto liscio e denso e, nel caso la pasta choux avesse dei grumi, potrete setacciarla con un colino.

sfince di san giuseppe

Fate scaldare l’olio di semi in una casseruola e, non appena sarà arrivato alla giusta temperatura, versatevi all’interno l’impasto formando le sfince con due cucchiai da tavola. Friggete le sfince poche per volta in modo da non abbassare molto la temperatura dell’olio e fatele cuocere per circa 15 minuti.

sfince di san giuseppe

Vedrete che in cottura le sfince raddoppieranno il loro volume iniziale. Rigiratele spesso in modo da farle dorare su tutti i lati, quindi toglietele dall’olio con una schiumarola e ponetele su un piatto con carta assorbente in modo da eliminare l’olio in eccesso.

sfince di san giuseppe

Non appena le sfince si saranno raffreddate, riprendete la crema di ricotta dal frigorifero, lavoratela nuovamente con un cucchiaio e ricoprite la loro superficie. Decorate con dei canditi a cubetti, ciliegie candite e se vi piace della granella di pistacchi. Servite le sfince di San Giuseppe in tavola.

sfince di san giuseppe

I consigli di Franci

Le sfince di San Giuseppe si conservano fino a 2 giorni al massimo.

La ricotta di pecora deve essere ben asciutta prima di preparare la crema.

Possono essere preparati anche al forno, impostandolo a 160°C cottura ventilata per 20 minuti e proseguendo la cottura per altri 10 minuti, alzando la temperatura a 180°C

Si sconsiglia la congelazione.

Non perdetevi la ricetta delle CRISPELLE DI RISO CATANESI.

Acquista il mio libro su AMAZON!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK e su INSTAGRAM.

FAQ (Domande e Risposte)

Posso aggiungere la scorza d’arancia candita invece dei canditi misti?

Sì, se ti piace solo quella andrà benissimo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *